Harpo è una Casa Editrice nata a Roma nel 2016 per iniziativa di un gruppo di persone con diverse esperienze professionali alle spalle, unite da un interesse comune.

Il particolare, Harpo si sviluppa sull’esperienza di Daniele Repetto, giornalista professionista. E’ stato Direttore Editoriale del gruppo GMC-Adnkronos, vice Direttore dell’agenzia Adnkronos e membro del CdA di Mak, società multimediale del Gruppo.

Per Adnkronos Libri ha curato il volume “Il clandestino è finito – contributi per un dibattito su terrorismo e soluzione politca” (1984). E’ autore di “Rosso di sera” (Memori, 2004), “L’amapola di Alberto” – l’ultimo viaggio di un bandolero anarchico” (Memori, 2009) e – coautore con Ansoino Andreassi di “Guardie – Le vittime in divisa del terrorismo” (Harpo, 2018).

L’interesse comune che ha dato vita a Harpo lo si comprende già dal logo scelto, l’elefante, l’animale che più di altri rappresenta il simbolo della memoria, del ricordo. Due parole che hanno senso se aiutano a comprendere il presente e anche il futuro, perché è dalle radici che cresce l’albero. E l’elefante dà ai libri pubblicati da Harpo una connotazione precisa, “I libri dell’elefante” per ricordare e riflettere con loro, tra passato e futuro, ricordo e i giorni nostri.

Harpo è una Casa Editrice con vare Collane che spaziano dalla Storia alla memoria, all’Analisi politica culturale del passato e futuro, all’Economia digitale, fino alla Narrativa, per accompagnare i Lettori attuali e potenziali, identificati in un ampio target che comprende anche i giovani e i seguaci del Web, a riflettere, ricordare, meditare, divertirsi e anche un po fantasticare.

STAFF